conflictmgt

Il conflitto nasce dalle differenze e, quando gli individui si riuniscono in squadre, le loro differenze in termini di potere, valori e atteggiamenti contribuiscono alla creazione di un conflitto. Per evitare le conseguenze negative che possono derivare da disaccordi, la maggior parte dei metodi di risoluzione dei conflitti sottolinea l’importanza di affrontare i contrasti in modo immediato e diretto. Tuttavia, per una squadra il conflitto non è necessariamente distruttivo. Quando è gestito correttamente, può portare dei vantaggi.

Gestire il conflitto negativo

Ci sono cinque metodi riconosciuti per affrontare l’eventualità di un conflitto negativo: approccio diretto, negoziazione, applicazione delle regole, ritirata e attenuazione (Nelson, 1995). Ognuno di essi può essere usato efficacemente in circostanze diverse.

  1. Approccio diretto: può essere l’approccio migliore di tutti. In sintesi, il leader affronta la questione apertamente. Anche se il conflitto è scomodo da gestire, è meglio guardare i problemi in modo oggettivo e affrontarli per come sono. Se si avanzano delle critiche, devono essere costruttive per chi le riceve. Questo approccio si basa sulle tecniche di problem-solving e normalmente lascia a tutti la sensazione di aver chiarito, perché i problemi sono stati portati in superficie e affrontati.
  1. Negoziazione: è un’ottima tecnica quando entrambe le parti pensano a una soluzione ma non riescono a trovare un terreno comune. Spesso c’è bisogno di un terzo, per esempio un team leader, che contribuisca a trovare un compromesso. Tuttavia un compromesso implica dare e prendere da una parte e dall’altra e, di solito, va a finire che le persone direttamente interessate rimangano entrambe ugualmente insoddisfatte.
  1. Applicazione delle regole della squadra: evitate di utilizzare questo metodo, se possibile, perché può provocare rancore verso il leader e verso la squadra. Questa tecnica si usa soltanto quando è evidente che un componente non vuole fare gioco di squadra e si rifiuta di lavorare con gli altri. Se è necessario applicare le regole nei confronti di una persona, per lei sarebbe meglio trovare un’altra squadra.
  1. Ritirata: usate questo metodo soltanto quando il problema non ha grande consistenza. Spesso, semplicemente evitando il problema o aggirandolo, un leader può prendere abbastanza tempo per consentire all’individuo di darsi una calmata. Se usata nell’ambiente giusto da un leader esperto, questa tecnica può contribuire a evitare che piccoli incidenti causati dal fatto che qualcuno ha avuto una giornata storta diventino problemi reali che non sarebbero mai dovuti nascere.
  1. Attenuazione: è una forma di negoziazione che mette l’accento sulle aree di accordo. Quando le parti si rendono conto che ci sono punti sui quali si trovano d’accordo, spesso diventano capaci di prendere una nuova direzione.next